BUONO A SAPERSI ARCHIVIO ARTICOLI LEGGI e REGOLAMENTAZIONE SENTENZE LINK UTILI HOME
Percorso: Home > Articoli > Modifiche ed integrazioni al codice della strada Art. 4

Modifiche ed integrazioni al codice della strada

Articolo 1

Articolo 2

Articolo 3

Articolo 4

Articolo 5

Articolo 6

Articolo 7

Articolo 8

DECRETO-LEGGE 27 giugno 2003, n.151

Modifiche ed integrazioni al codice della strada - Art. 4

(GU n. 149 del 30-6-2003)

Art. 4.

Modifiche  alle norme inerenti gli illeciti amministrativi e relative sanzioni    

1. All'articolo 201 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:    

a) al  comma  1  gli  ultimi  due  periodi  sono  sostituiti  dai seguenti:  «Nel  caso  di accertamento della violazione nei confronti dell'intestatario  del  veicolo  che  abbia  dichiarato  il domicilio legale  presso  una  persona  fisica  residente  in  Italia  ai sensi dell'articolo  134,  comma  1-bis,  la  notificazione  del verbale e' validamente  eseguita  quando sia stata effettuata presso il medesimo domicilio  legale  dichiarato  dall'interessato.  Qualora l'effettivo trasgressore   od  altro  dei  soggetti  obbligati  sia  identificato successivamente  alla  commissione  della violazione la notificazione puo'  essere effettuata agli stessi entro centocinquanta giorni dalla data in cui risultino dai pubblici registri o nell'archivio nazionale dei  veicoli  l'intestazione  del  veicolo  e  le  altre  indicazioni identificative  degli interessati o comunque dalla data precedente in cui  la pubblica amministrazione e' posta in grado di provvedere alla loro  identificazione.  Per  i  residenti all'estero la notifica deve essere effettuata entro trecentosessanta giorni dall'accertamento.»;    

b) dopo il comma 1 e' inserito il seguente:     «1-bis.  Fermo restando quanto indicato dal comma 1, nei seguenti casi  la contestazione immediata non e' necessaria e agli interessati sono  notificati  gli  estremi della violazione nei termini di cui al comma 1:       a) impossibilita'   di   raggiungere  un  veicolo  lanciato  ad eccessiva velocita';       b) attraversamento  di un incrocio con il semaforo indicante la luce rossa;       c) sorpasso vietato;       d) accertamento  della violazione in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo;       e) accertamento   della   violazione   per  mezzo  di  appositi apparecchi  di  rilevamento  direttamente  gestiti  dagli  organi  di Polizia  stradale  e  nella  loro  disponibilita'  che  consentono la determinazione  dell'illecito  in tempo successivo poiche' il veicolo oggetto  del  rilievo  e'  a  distanza  dal  posto  di accertamento o comunque  nell'impossibilita'  di essere fermato in tempo utile o nei modi regolamentari;      f) accertamento   effettuato   con   i   dispositivi   di   cui all'articolo  4 del decreto-legge 20 giugno 2002, n. 121, convertito, con   modificazioni,   dalla  legge  1° agosto  2002,  n.  168,  come modificato dall'articolo 7, comma 9;       g) rilevazione  degli  accessi di veicoli nelle zone a traffico limitato   e   circolazione   sulle  corsie  riservate  attraverso  i dispositivi  previsti  dall'articolo  17,  comma 133-bis, della legge 15 maggio 1997, n. 127.   In altri casi in cui non e' avvenuta la contestazione immediata, il verbale    notificato   agli   interessati   deve   contenere   anche l'indicazione  dei motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata.  Nei  casi  previsti  alle  lettere  b),  f)  e  g) non e' necessaria la presenza degli organi di Polizia qualora l'accertamento avviene  mediante  rilievo  con  apposite apparecchiature debitamente omologate.»;     c) al  comma  3  dopo  il  primo periodo e' inserito il seguente: «Nelle  medesime forme si effettua la notificazione dei provvedimenti di  revisione,  sospensione  e  revoca  della  patente  di guida e di sospensione della carta di circolazione.».  

2. All'articolo 207 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:    

a) al  comma  2 il secondo periodo e' abrogato; nel terzo periodo le   parole:   «o  del  rilascio  del  documento  fideiussorio»  sono soppresse;  nell'ultimo  periodo  le  parole:  «l'una  e l'altro sono versati» sono sostituite dalle seguenti: «la cauzione e' versata»;    

b) al  comma  2-bis  dopo  le  parole:  «Stato membro dell'Unioneeuropea»  sono  inserite  le  seguenti: «o aderente all'Accordo sullo spazio economico europeo»;    

c) il comma 3 e' sostituito dal seguente: «3. In mancanza del versamento della cauzione di cui ai commi 2 e 2-bis  viene  disposto  il  fermo  amministrativo  del veicolo fino a quando  non sia stato adempiuto il predetto onere e, comunque, per un periodo non superiore a sessanta giorni.».  

3. All'articolo 219 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:    

a) il comma 2 e' sostituito dal seguente:     «2. Nell'ipotesi che la revoca della patente costituisca sanzione accessoria  l'organo, l'ufficio o comando, che accerta l'esistenza di una delle condizioni per le quali la legge la prevede, entro i cinque giorni  successivi,  ne da' comunicazione al prefetto del luogo della commessa  violazione.  Questi,  previo  accertamento delle condizioni predette,  emette  l'ordinanza  di  revoca e consegna immediata della patente alla prefettura, anche tramite l'organo di Polizia incaricato dell'esecuzione.  Dell'ordinanza  si  da' comunicazione al competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri.»;    

b) il comma 3 e' sostituito dal seguente:     «3.  Il  provvedimento  di  revoca  della  patente  previsto  dal presente articolo nonche' quello disposto ai sensi dell'articolo 130, comma  1,  nell'ipotesi  in  cui  risulti  la  perdita, con carattere permanente,  dei  requisiti  psichici  e  fisici  prescritti, e' atto definitivo.»;    

c) dopo il comma 3 e' aggiunto il seguente:     «3-bis.  L'interessato  non  puo' conseguire una nuova patente se non  dopo  che  sia  trascorso  almeno  un anno dal momento in cui e' divenuto definitivo il provvedimento di cui al comma 2.».

Assicurazione-auto.info ed il suo contenuto sono di esclusiva proprietà degli autori. E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi parte del sito senza autorizzazione, compresa la grafica e il layout.