BUONO A SAPERSI ARCHIVIO ARTICOLI LEGGI e REGOLAMENTI SENTENZE LINK UTILI HOME
Percorso: Home > Leggi e Regolamenti > Collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet > 5.2. Mediatori di assicurazione.

Collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet

1. Attività assicurativa esercitata tramite Internet nel territorio della Repubblica Italiana.

2. Attività assicurativa esercitata all'estero, tramite Internet, da imprese con sede legale in Italia

3. Ambito di applicazione

4. Disciplina applicabile al collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet nel territorio della Repubblica Italiana

4.1. Procedure di controllo interno

4.2. Identificazione dell'impresa e accertamento della sua abilitazione all'esercizio dell'attività assicurativa in Italia

4.3. Informativa precontrattuale

4.4. L'autenticità e la consegna delle condizioni di polizza

4.5 La certezza del momento di conclusione del contratto e di decorrenza della copertura assicurativa

4.6. La gestione successiva del contratto

4.7. Il diritto di recesso

4.8. Legge applicabile al contratto e autorità giudiziaria competente

4.9. Necessità della forma scritta

4.10. Adempimenti antiriciclaggio

5. Attività degli intermediari di assicurazione

5.1. Agenti di assicurazione

5.2. Mediatori di assicurazione.

Collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet

5.2. Mediatori di assicurazione.

Per i mediatori di assicurazione e riassicurazione, il ricorso ad Internet propone problematiche in parte diverse, laddove il broker di cui all’art.1, legge 28 novembre 1984 n.792 - non potendo assumere “impegni di sorta” nei confronti delle imprese di assicurazione - non è legittimato a concludere contratti per conto delle imprese stesse, pena lo snaturamento del ruolo normativamente riconosciutogli.

Si ricorda che l’operatività tramite Internet dei mediatori di assicurazione di area UE - se rivolta all’utenza italiana (con le modalità appresso indicate) - rientra nel più generale regime di libera prestazione di servizi, che richiede, fra l’altro, la previa iscrizione all’albo dei mediatori di cui alla suddetta legge n.792/84, come esplicitato anche con circolare ISVAP n.375/D del 10 maggio 1999.

Per le imprese ammesse ad operare in libera prestazione di servizi, l’instaurazione di trattative con i mediatori di assicurazione stabiliti in Italia non pone problemi vista la richiamata assenza di vincoli nei confronti delle imprese sancita dalla legge.

Tanto premesso, nulla osta a che il mediatore:

 allestisca un suo sito, tramite il quale pubblicizzare i propri servizi di fiduciario indipendente ed eventualmente conseguire, come da prassi, un incarico dal contraente;

 utilizzi le tecnologie di Internet (ad esempio, la posta elettronica) per sviluppare con il suo assistito ipotesi di coperture;

 sviluppi - tramite le tecnologie in esame - la mediazione con le compagnie del mercato, assurgendo il suo sito e/o la sua posta elettronica a funzioni di “ponte” e di “filtro” tra le due parti del potenziale rapporto assicurativo.

Qualora il broker rilasci al cliente proprie lettere di formale conferma di copertura, queste ultime, per produrre effetti tra la compagnia e il cliente, devono indicare gli estremi dell’avvenuta accettazione del rischio da parte dell’impresa di assicurazione. In caso contrario, le lettere di conferma risulteranno impegnative solo nel rapporto broker/cliente, senza alcun riflesso nei confronti della compagnia. Di tale ultima circostanza il mediatore deve dare adeguata evidenza al destinatario della lettera di conferma.

Ai fini della regolare circolazione di autoveicoli e natanti la prova, di fronte ai terzi, dell’avvenuta copertura del relativo rischio di r.c. auto dovrà essere ricondotta all’apposita documentazione prevista dalla legge 24 dicembre 1969 n. 990 e dalle relative modifiche e disposizioni di attuazione, rilasciata dall’impresa di assicurazione.

I mediatori - sia nel loro sito, che nelle interazioni con i consumatori e le compagnie - dovranno esplicitare sempre gli estremi della loro iscrizione all’albo di cui alla legge 28 novembre 1984 n.792 (numero di matricola e data di conseguimento) ed alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura, nonché l’indicazione della sede dei propri uffici (corredata delle utenze telefoniche e telefax).

Per le società di mediazione, l’iscrizione all’albo dovrà essere esplicitata con riferimento tanto alla stessa persona giuridica, quanto ai suoi legali rappresentanti ed ai gestori preposti alla mediazione tramite Internet.

Sia per la ditta individuale che per la società di mediazione assicurativa, le suddette indicazioni devono fornire contezza sui soggetti che realmente pongono in essere, in collegamento con l’utente di Internet, qualificati atti negoziali da apprezzare anche alla luce del disposto ex art. 5, I comma, lett. d), legge n. 792/84 (quali, ad esempio, le richieste di emissione delle polizze e gli ordini fermi di copertura).

Resta ferma, in ogni caso, la responsabilità degli iscritti all’albo anche per l’espletamento degli atti di natura preparatoria e/o esecutiva dell’attività di mediazione di cui trattasi.

 

 


Assicurazione-auto.info ed il suo contenuto sono di esclusiva proprietà degli autori. E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi parte del sito senza autorizzazione, compresa la grafica e il layout.