BUONO A SAPERSI ARCHIVIO ARTICOLI LEGGI e REGOLAMENTI SENTENZE LINK UTILI HOME
Percorso: Home > Leggi e Regolamenti > Collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet > 4.10. Adempimenti antiriciclaggio

Collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet

1. Attività assicurativa esercitata tramite Internet nel territorio della Repubblica Italiana.

2. Attività assicurativa esercitata all'estero, tramite Internet, da imprese con sede legale in Italia

3. Ambito di applicazione

4. Disciplina applicabile al collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet nel territorio della Repubblica Italiana

4.1. Procedure di controllo interno

4.2. Identificazione dell'impresa e accertamento della sua abilitazione all'esercizio dell'attività assicurativa in Italia

4.3. Informativa precontrattuale

4.4. L'autenticità e la consegna delle condizioni di polizza

4.5 La certezza del momento di conclusione del contratto e di decorrenza della copertura assicurativa

4.6. La gestione successiva del contratto

4.7. Il diritto di recesso

4.8. Legge applicabile al contratto e autorità giudiziaria competente

4.9. Necessità della forma scritta

4.10. Adempimenti antiriciclaggio

5. Attività degli intermediari di assicurazione

5.1. Agenti di assicurazione

5.2. Mediatori di assicurazione.

Collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet

4.10. Adempimenti antiriciclaggio

L’utilizzo di Internet, a causa della comunicazione a distanza, rende più difficile la diretta identificazione, ad opera dell’impresa o dei suoi incaricati, del soggetto che effettua o riceve pagamenti superiori a £ 20 milioni o del soggetto che stipula la polizza di assicurazione sulla vita ed eventualmente del suo mandatario (ai sensi dell’art. 4.1 del D.M. 19 dicembre 1991 “i dati relativi all’accensione di conti, depositi o altri rapporti continuativi devono essere acquisiti in presenza del titolare del rapporto e del suo mandatario…”).

Al riguardo si richiamano i criteri applicativi del citato D.M. enunciati dal Ministero del Tesoro (comunicato del 5 giugno 1992), che richiedono all’intermediario interessato (nella fattispecie l’impresa di assicurazione), nell’impossibilità di identificazione diretta, di acquisire idonea attestazione rilasciata da un altro intermediario di cui alla legge 197/91 che abbia già provveduto, per i propri fini, all’identificazione del soggetto.

Non può in ogni caso ritenersi sufficiente, ai fini dell’identificazione, la mera acquisizione di un documento di identità del soggetto da identificare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Assicurazione-auto.info ed il suo contenuto sono di esclusiva proprietà degli autori. E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi parte del sito senza autorizzazione, compresa la grafica e il layout.