BUONO A SAPERSI ARCHIVIO ARTICOLI LEGGI e REGOLAMENTI SENTENZE LINK UTILI HOME
Percorso: Home > Leggi e Regolamenti > Collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet > 1. Attività assicurativa esercitata tramite Internet nel territorio della Repubblica Italiana.

Collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet

1. Attività assicurativa esercitata tramite Internet nel territorio della Repubblica Italiana.

2. Attività assicurativa esercitata all'estero, tramite Internet, da imprese con sede legale in Italia

3. Ambito di applicazione

4. Disciplina applicabile al collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet nel territorio della Repubblica Italiana

4.1. Procedure di controllo interno

4.2. Identificazione dell'impresa e accertamento della sua abilitazione all'esercizio dell'attività assicurativa in Italia

4.3. Informativa precontrattuale

4.4. L'autenticità e la consegna delle condizioni di polizza

4.5 La certezza del momento di conclusione del contratto e di decorrenza della copertura assicurativa

4.6. La gestione successiva del contratto

4.7. Il diritto di recesso

4.8. Legge applicabile al contratto e autorità giudiziaria competente

4.9. Necessità della forma scritta

4.10. Adempimenti antiriciclaggio

5. Attività degli intermediari di assicurazione

5.1. Agenti di assicurazione

5.2. Mediatori di assicurazione.

Collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet

1. Attività assicurativa esercitata tramite Internet nel territorio della Repubblica Italiana.

Tenuto conto della facilità di accesso ad Internet da parte di operatori di tutto il mondo, si pone in primo luogo il problema della identificazione dei soggetti che offrono polizze di assicurazione tramite la rete e della verifica della loro abilitazione all’esercizio dell’attività assicurativa in Italia.

Tale questione implica, tra l’altro, la necessità di inquadrare la vendita tramite Internet nell’ambito delle vigenti norme che regolano l’esercizio transfrontaliero dell’attività assicurativa.

Al riguardo è opportuno ricordare che in base alle terze direttive (Direttiva 92/96/CEE per le assicurazioni sulla vita e Direttiva 92/49/CEE per le assicurazioni contro i danni, recepite in Italia rispettivamente dal d. lgs. 174/95 e dal d. lgs. 175/95) l’attività transfrontaliera nel settore assicurativo può essere esercitata secondo due regimi: la libertà di stabilimento o la libera prestazione di servizi.

Come risulta anche dal progetto di Comunicazione interpretativa della Commissione Europea in materia di “libertà di prestazione di servizi e interesse generale nel settore delle assicurazioni”, in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee, l’attività di vendita tramite Internet, se effettuata da imprese non stabilite nello Stato in cui è ubicato il rischio, deve configurarsi come attività in libera prestazione di servizi, soggetta alle relative disposizioni comunitarie.

Ne consegue che le imprese estere con sede legale in uno Stato membro dell’Unione Europea [1] che intendono collocare prodotti assicurativi tramite Internet nel territorio della Repubblica Italiana, qualora non risultino già ammesse ad operare in detto territorio in regime di stabilimento o di libera prestazione di servizi, devono rispettare le condizioni di accesso previste dagli articoli 70 e seguenti del d. lgs. 174/95 e dagli articoli 81 e seguenti del d. lgs. 175/95.

Va inoltre ricordato che, ai sensi dell’art. 97 del d. lgs. 174/95 e dell’art. 110 del d.lgs. 175/95, le imprese con sede legale in uno stato Terzo rispetto all’Unione Europea possono esercitare attività assicurativa in Italia solo in regime di stabilimento (previa autorizzazione dell’ISVAP) e non anche in libera prestazione di servizi e che è fatto divieto ai soggetti con domicilio abituale, o se persone giuridiche con sede, in Italia di concludere contratti con imprese operanti in violazione di detto limite. Le citate norme stabiliscono inoltre il divieto di qualsiasi forma di mediazione per la stipulazione di detti contratti.

Ciò premesso, è necessario richiamare l’attenzione dei consumatori sulle conseguenze sfavorevoli in cui gli stessi possono incorrere stipulando contratti con imprese straniere operanti in violazione dei requisiti di legge, in particolare sotto il profilo della eventuale mancata rispondenza delle coperture assicurative offerte rispetto alle disposizioni di legge nazionali, con maggior riguardo a quelle che regolano le assicurazioni obbligatorie.

Questo Istituto ricorda che all’interno del proprio sito (indirizzo www.isvap.it) è a disposizione, per la consultazione, l’elenco delle imprese italiane e delle Rappresentanze di imprese extra U.E. autorizzate ad operare in Italia, nonché l’elenco delle imprese con sede legale nella U.E. ammesse ad operare in Italia in regime di stabilimento o di libera prestazione di servizi. Tali elenchi, aventi una finalità informativa, non assolvono alla funzione di pubblicità legale, che resta propria della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

 

 

 


Assicurazione-auto.info ed il suo contenuto sono di esclusiva proprietà degli autori. E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi parte del sito senza autorizzazione, compresa la grafica e il layout.